Un altro passo avanti nella "riscrittura" della legalità? Appunti sulla sentenza Contrada