L’arte nella città come residuo del tempo. Il museo aperto di Cosenza