Per la gestione “partecipata” dei beni comuni: una procedimentalizzazione di seconda generazione?