Quando migrare diventa la norma