L'invenzione della "marotte" nell'iconografia della follia