Dante e la tradizione giuridica