“Meraviglioso come a volte ciò che sembra non è”: la qualificazione giuridica del contratto