In una temperie culturale fortemente impregnata di suggestioni simboliste (da Émile Verhaeren a Stefan George, senza dimenticare Arnold Schönberg), anche Max Weber subisce il fascino intellettuale del crescente e abnorme sviluppo metropolitano delle città. Conformemente al suo metodo, tale fascino si traduce in lui nella necessità di ricostruire, con uno sguardo retrospettivo e comparativo, le tappe filosofico-storiche dei processi di formazione dell’urbanesimo come motore propulsivo del divenire storico della civiltà occidentale. È infatti all’interno del processo di costruzione della città che prendono forma le categorie del politico che stanno alla base della teoria weberiana del potere; è nella città che la nozione di Stadt si affina, rielaborando i tratti hegeliani e marxiani della bürgerliche Gesellschaft e così riproducendo, nella dialettica tra bourgeois e citoyen, l’antitesi agostiniana delle due civitates; è da ultimo nella città che il popolo acquista consapevolezza di sé come aggregazione politica, segnalando l’imprenscindibilità di una meditata riflessione sull’essenza e l’ethos della democrazia.

Democrazia e potere nella concezione weberiana della città / Ghia, Francesco. - STAMPA. - (2015), pp. 53-71.

Democrazia e potere nella concezione weberiana della città

Ghia, Francesco
2015

Abstract

In una temperie culturale fortemente impregnata di suggestioni simboliste (da Émile Verhaeren a Stefan George, senza dimenticare Arnold Schönberg), anche Max Weber subisce il fascino intellettuale del crescente e abnorme sviluppo metropolitano delle città. Conformemente al suo metodo, tale fascino si traduce in lui nella necessità di ricostruire, con uno sguardo retrospettivo e comparativo, le tappe filosofico-storiche dei processi di formazione dell’urbanesimo come motore propulsivo del divenire storico della civiltà occidentale. È infatti all’interno del processo di costruzione della città che prendono forma le categorie del politico che stanno alla base della teoria weberiana del potere; è nella città che la nozione di Stadt si affina, rielaborando i tratti hegeliani e marxiani della bürgerliche Gesellschaft e così riproducendo, nella dialettica tra bourgeois e citoyen, l’antitesi agostiniana delle due civitates; è da ultimo nella città che il popolo acquista consapevolezza di sé come aggregazione politica, segnalando l’imprenscindibilità di una meditata riflessione sull’essenza e l’ethos della democrazia.
Bondofli, A.; Dotolo, C.;Scaiola, [...] et al.
Dio uomini e città
Bologna
EDB
978-88-10-41531-3
Ghia, Francesco
Democrazia e potere nella concezione weberiana della città / Ghia, Francesco. - STAMPA. - (2015), pp. 53-71.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ghia Francesco_Democrazia e potere nella concezione weberiana della città.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: saggio a stampa
Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 91.41 kB
Formato Adobe PDF
91.41 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11572/133432
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact