Discorrere cose nuove e insolite. I «Discorsi» di Machiavelli e le «Considerazioni» di Guicciardini