Pazienza: un sentimento da archiviare?