Diritto alla salute e principio d'eguaglianza: può un'eccezione fare la differenza?