Per un'etica della resistenza: rileggere Primo Levi