Kassel non invita alla logica