Dalla creatura nobilissima al vir desideriorum: Aristotele e la definizione di uomo nel Commento alle Sentenze di Bonaventura da Bagnoregio