Camillo Rasmo e l'interpretazione del paesaggio dolomitico