«Quei mille o duemila giovani […] che operano a Trento o a Torino, a Pavia o a Pisa, a Firenze e un po’ anche a Roma». Il Sessantotto e la memoria degli studenti