Dante tra diritto, teologia ed esegesi antica